Jake Gyllenhaal nel primo trailer di Demolition

Share Button

Dopo essere salito sul ring in Southpaw e aver scalato la cima dell’Everest nell’ominimo film presentato a Venezia, Jake Gyllenhaal questa volta cerca di affrontare il dolore a colpi di martello nel primo trailer di Demolition, film che aprirà il Festival Internazionale del Cinema di Toronto.

La pellicola è diretta da Jean-Marc Vallée, regista di Dallas Buyers Club e Wild, film che hanno portato alla ribalta stelle del calibro di Matthew McConaughey, Jared Leto, Reese Witherspoon e Laura Dern, riconosciuti anche con premi e nomination di un certo prestigio. Demolition, però, uscirà solo la prossima primavera, quindi il buon Jake non finirà nella cinquina dei miglior attori della prossima edizione degli Oscar che si terrà a febbraio.

Ecco la sinossi ufficiale del film: Davis (Jake Gyllenhaal), è un uomo d’affari di successo che lotta con la depressione dopo il tragico incidente d’auto che gli ha portato via sua moglie. Nonostante le pressioni del suocero Phil (Chris Cooper) Davis cerca di uscirne da solo senza l’aiuto di nessuno. Dopo una prima lettera di reclamo ad una società di distributori automatici continuerà a scrivere una serie di lettere molto personali che catturano l’attenzione dell’addetta al servizio clienti Karen (Naomi Watts) tra i due nascerà un’improbabile relazione, mentre Davis inizia a demolire con le proprie mani tutto quello che era legato alla precedente vita con la sua defunta moglie.

La sceneggiatura del film è di Bryan Sipe (The Choice) mentre John Malkovich veste il ruolo di produttore. Demolition uscirà nelle sale americane il 16 marzo 2016.

Di seguito il primo trailer del film:

Share Button
The following two tabs change content below.
Michele Giacci

Michele Giacci

Michele Giacci nasce a Napoli il 31 maggio 1987, l'anno di Full Metal Jacket, Il cielo sopra Berlino, Gli Intoccabili, Wall Street e del primo scudetto del Napoli di Maradona. Cresce coi western alla tv e coi film di Spielberg al cinema, insieme ai romanzi di formazione del ventesimo secolo e all'amore incondizionato verso l'isola d'Irlanda.

Be the first to comment

Leave a Reply