Il Racconto dei Racconti, storia degli opposti

Share Button

Tale of Tales Genere: Fantastico, Drammatico Regia: Matteo Garrone Cast: Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones, Bebe Cave, Christian Lees, Jonah Less, John C. Reilly, Alba Rohrwacher, Massimo Ceccherini Durata: 125 min. Anno: 2015

il racconto dei racconti locandinaC’era una volta una regina (Salma Hayek) che, sotto consiglio di un mago, mangiò il cuore di un drago per rimanere gravida ed avere un erede al trono, due vecchie e decadenti sorelle che, con l’inganno, fecero innamorare un re (Vincent Cassel) e un sovrano (Toby Jones) ossessionato da una pulce che la nutrì di sangue, facendola crescere a dismisura, e che diede in sposa la sua giovane figlia a un terribile orco.

Il Racconto dei Racconti, liberamente tratto dalla raccolta di fiabe “Lo cuntu de li cunti overo lo trattenimento de’ peccerille” di Giambattista Basile, è la storia di tre regni e dei loro rispettivi sovrani, un sontuoso affresco barocco dove si intrecciano il bello e il brutto, il bene e il male, l’amore e l’odio.

Matteo Garrone, dopo Gomorra e Reality, rischia grosso e si tuffa a capofitto nel fantasy, immergendo lo spettatore in uno scenario fiabesco, distante per tematiche da un mondo di stampo tipicamente realista caro al regista romano e sviscerato nei suoi precedenti film (la mafia, i reality o l’immigrazione). Quindi sfida molto difficile sulla carta, perché c’era il forte rischio che ne uscisse fuori un film impersonale e didascalico. Ma non è così. Garrone dirige con maestria invidiabile un fantasy cupo, violento, talvolta repellente (per esempio quando Salma Hayek mangia avidamente il cuore di un drago per rimanere incinta o quando si insiste con i primi piani delle membra flaccide e decadenti delle due sorelle che fanno invaghire Vincent Cassel), in un susseguirsi di immagini evocative e forti. Il Racconto dei Racconti è una fiaba per adulti dove i sentimenti umani sono mossi da pulsioni primitive e crudeli, una storia degli opposti dove ognuna delle vicende narrate si erge ad archetipo delle contraddizioni umane. La bramosia e l’egoismo con cui la regina Salma Hayek soffoca il figlio la porta a non essere amata da quest’ultimo, il quale prova un sentimento di amore sincero e genuino verso il fratello gemello più povero ma, allo stesso tempo, infinitamente più libero. Il re Don Giovanni interpretato da Cassel, ossessionato dalla bellezza e dalla giovinezza, che si trova a sfidare la decadenza del corpo. O, infine, il sovrano nano che alleva una pulce più grande di lui, pessimo padre ma con una figlia degna di ereditare un regno e divenire regina.

il racconto dei racconti

L’opera di Garrone è un film visionario, un inusuale kolossal fantasy per il cinema italiano, con un cast internazionale di tutto rispetto: Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones, Bebe Cave e John C. Reilly, senza dimenticare due presenze italiane come Alba Rohrwaker e Massimo Ceccherini.

Il grande merito di questa pellicola è quello di saper entrare nell’animo dello spettatore, dando libero sfogo all’immaginazione e alla fantasia, e definirlo strettamente un fantasy sarebbe riduttivo, perché Il Racconto dei Racconti è un film trasversale, con molti livelli di lettura: è una fiaba, ma è anche un horror e, contemporaneamente, un grande racconto popolare, nonché un fantastico affresco del periodo barocco.

Viene quindi da domandarsi se il film sia da considerarsi come l’opera definitiva sul racconto di una fiaba al cinema, e rispondere a un tale quesito non è facile, ma quello che è sicuro è la constatazione che Matteo Garrone ha fatto il possibile per far sì che il suo Racconto dei Racconti si ritagliasse un grande spazio nell’immaginario cinematografico contemporaneo. E ci è riuscito.

★★★★

racconto dei racconti 2

Share Button
The following two tabs change content below.
Nicolò Barison

Nicolò Barison

Nicolò Barison nasce a Fossano (CN), classe 1985. Grande appassionato di cinema, è redattore del sito di informazione cinematografica CineCaverna e collabora con la rivista di poesia, arte e letteratura on-line Poetarum Silva (www.poetarumsilva.com).

Be the first to comment

Leave a Reply