Torneranno i prati, la trincea silenziosa di Olmi

Share Button

Torneranno i prati (id.)

Genere: Drammatico, Storico. Regia: Ermanno Olmi. Cast: Claudio Santamaria, Alessandro Sperduti, Niccolò Senni, Francesco Formichetti, Andrea Di Maria, Camillo Grassi, Domenico Benetti, Andrea Benetti, Francesco Nardelli. Durata: 80 min. Anno: 2014

Torneranno i prati è un film scritto e diretto dal maestro indiscusso Ermanno Olmi. Olmi, celebra a modo suo il centenario della prima Guerra Mondiale regalandoci questo lungometraggio. Il film è liberamente ispirato al racconto di Federico De RobertoLa paura”, scritto nel 1921 ed è ambientato sull’Altopiano di Asiago.

1917, la pellicola racconta e si svolge in un’intera notte. Ci troviamo sul fronte Nord-Est, nelle trincee degli Altipiani, rimasti scossi dai sanguinosi scontri, appena cessati. Le vite dei soldati sono segnate dall’orrore della guerra, dall’orrore di quello che vedono ogni giorno, fuori della trincea, hanno paura e pregano di aver salva la vita.

Il film, uscito nelle sale il 7 novembre, è stato proiettato in contemporanea in quasi cento paesi tra cui Parigi, Londra, Pechino, Tokyo, Washington, New York, Mosca, Pristina, Erevan, Betlemme, Tel Aviv, Beirut, Algeri, Teheran, Khartoum.

I fatti narrati in questo film sono presenti in tutti i libri di scuola, in molti racconti, documentari, ma c’è qualcosa di diverso in questo film. Olmi mette a paragone la montagna, luogo di pace e serenità che diventa la tomba dei soldati che combattono lì ogni giorno. Il film è silenzioso, a tratti angosciante e ci mostra come l’attesa uccide l’uomo. Vediamo fatti imprevedibili che accadono da un momento ad un altro e non possiamo far altro che rabbrividire dalla nostra piccola sedia rossa.

Torneranno i prati è un film utile e necessario, che ti catapulta indietro nel tempo. Raccontato da chi la guerra l’ha vissuta e che porta ancora dentro i segni indelebili del conflitto. Lo spettatore riesce a percepire il freddo dei soldati, la loro paura, il loro respiro sul collo. Olmi e il cast di attori, Claudio Santamaria (il maggiore), Alessandro Sperduti (il tenente), Francesco Formichetti (il capitano) e Niccolò Senni (il dimenticato) per citarne alcuni, hanno svolto un lavoro accurato e arricchito di sfumature e particolari che rendono questo film un gioiellino tutto italiano. Un film consigliato a tutti perché racconta una storia che ci appartiene.

★★★★

Share Button
The following two tabs change content below.

Silvia Chierzi

Silvia Chierzi nasce a Belluno nel 1990, ama il cinema e il teatro da sempre, frequenta diversi corsi di teatro e recitazione cinematografica. Dal 2014 al 2015 collabora per il giornale online CineCaverna (attività che riprende nell'ottobre 2017). Ha collaborato per la pagina facebook Daniel Bruhl Supporters e fino al 2016 è membro attivo dei "LiberaMente" una compagnia teatrale amatoriale Bellunese. Finita l'esperienza con il gruppo "Liberamente" Silvia collabora con l'associazione Belluno Ciak, prendendo parte, come comparsa al film "Storia del tempo inutile" e allo spettacolo "Le senza volto - Streghe di Cavarnere". Nel 2018 uscirà a teatro, con una rivisitazione del grande capolavoro di Mel Brooks "Frankenstein Junior" diretto da Franco Fontana. Tra i suoi attori preferiti troviamo: Heath Ledger, Daniel Bruhl, August Diehl, Channing Tatum, Jake Gyllenhaal, Toni Servillo, Claudio Santamaria, Richard Brake, Emile Hirsch e Ryan Gosling. Mentre le attrici che predilige sono: Scarlett Johansson, Penelope Cruz, Angela Finocchiaro, Sheri Moon Zombie, Michelle Williams e Eva Green. Tra i suoi registi preferiti troviamo: Kevin Smith, Rob Zombie, Darren Aronofsky, Bernardo Bertolucci, Alfred Hitchcock, Ti West, Sergio Castellitto, Paolo Sorrentino, Lars Von Trier, Richard Kelly, Eli Roth e Quentin Tarantino. (I generi che predilige sono l’horror/splatter e thriller ma non disdegna altri generi!)

Be the first to comment

Leave a Reply