Strange Magic, disponibile il full trailer

Una delle prime immagini di Strange Magic (2015)
Share Button

Il prossimo 23 gennaio verrà distribuito dalla Touchstone Pictures nelle sale americane Strange Magic, il nuovo film d’animazione della Disney.

Nonostante alcune voci di corridoio sembrassero suggerire un filo diretto tra questo nuovo progetto e il campione di incassi della scorsa stagione cinematografica, Frozen, Strange Magic rivendica la propria indipendenza in termini di originalità.

Una delle prime immagini di Strange Magic (2015)
Una delle prime immagini di Strange Magic (2015)

Scritto da George Lucas, il quale ha attinto ispirazione a piene mani da Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, sul progetto è stato mantenuto il più stretto riserbo fino a qualche giorno fa, quando ne è stato rilasciato il primo full trailer.

 La trama si concentra sulle divertenti disavventure di alcuni goblins, fate, elfi e folletti innescate dalla lotta per aggiudicarsi una potentissima pozione.

Grande importanza è stata data qui alla musica, tant’è che Strange Magic vanta di voler proporre allo spettatore numerose canzoni popolari delle scorse sei decadi.

Diretto dallo statunitense Gary Rydstrom, già regista di due cortometraggi Pixar, Stu – Anche un alieno può sbagliare (2006) e Vacanze Hawaiiane (2011), nonché vincitore di svariati premi Oscar per il suo lavoro nell’ambito del montaggio sonoro, e prodotto dalla Lucasfilm Ltd., Strange Magic annovera un prestigioso cast vocale, tra cui ricordiamo, solo per citarne alcuni, i nomi di lan Cumming, Evan Rachel Wood e Alfred Molina.

L’uscita della pellicola nelle sale italiane è prevista per l’11 febbraio 2015.

Share Button
The following two tabs change content below.
Viviana de Lillo

Viviana de Lillo

Stanziata nella natale Torino dalla prima apparizione su tale piano di esistenza, registrata il 06 settembre 1986, trascorre 3/4 di vita seduta su una poltroncina rossa davanti ad un grande schermo immerso nel buio. Il restante quarto l'ha investito in fumetti, serie tv e cartacce semiotiche. Su queste ultime, a proposito, nutre ancora dei dubbi, ma questa è un'altra storia.

Be the first to comment

Leave a Reply