La Top Ten del 2014 di Virgilia Bertolotto

Share Button

Si avvicina la fine dell’anno ed è tempo di classifiche. Ecco la Top 10 della nostra redattrice Virgilia Bertolotto. I film sono stati selezionati tra le uscite nei cinema italiani dal primo gennaio al diciotto dicembre.

10. American Hustle – L’apparenza inganna. Di David O. Russell.
Un grande cast al servizio di una storia divertente ed affascinante, con un’ottima colonna sonora e dei bellissimi costumi ricercati. Dieci nomination agli Oscar.american_hustle

9. Storia di una ladra di libri. Di Brian Percival.
Tratto dal romanzo bestseller La bambina che salvava i libri di Markus Zusak. La giovane attrice emergente Sophie Nélisse riesce a rendere con efficacia l’animo candido e spaesato della protagonista: i suoi grandi occhi blu spalancati sui libri sono il ricordo che rimane impresso maggiormente alla fine della visione.Film Review The Book Thief

8. Tutto può cambiare. Di John Carney.
Keira Knightley offre un’ottima interpretazione della cantautrice bohemien, ma è soprattutto la sua voce delicata ad incantare e sorprendere piacevolmente lo spettatore. Anche Mark Ruffalo è efficace nella resa del discografico ubriacone in cerca di riscatto. Le canzoni sono belle ed orecchiabili e la loro melodia si rincorre per tutto il film.Keira Knightley and Mark Ruffalo in "Begin Again"

7. C’era una volta a New York. Di James Gray.
Marion Cotillard e i suoi occhi spalancati sulle brutture del mondo sono il punto di forza di un film che racconta una storia drammatica con intensità e delicatezza allo stesso tempo. Bravissimi anche Joaquin Phoenix e Jeremy Renner.
the-immigrant-the-immigrant-trailer-looks-complicated-fascinating-oscar-worthy1

6. Dallas Buyers Club. Di Jean-Marc Vallée.
Matthew McConaughey e Jared Leto sorprendentemente bravi (anche se forse non addirittura da Oscar) al servizio di un film che invita a riflettere su fatti importanti e drammatici.AMF_7277 (341 of 376).NEF

5. Jersey Boys. Di Clint Eastwood.
Basato sul musical omonimo del 2006, Jersey Boys è una conferma e una sorpresa. Clint Eastwood si conferma un grandissimo narratore che riesce a far appassionare alla storia anche chi non conosce nello specifico i fatti e allo stesso tempo riesce a sorprenderci con un film che da lui non ci saremmo aspettati.
keyart

4. Saving Mr. Banks. Di John Lee Hancock.
Un film commovente che racconta un pezzo importante della storia del cinema. Tom Hanks e Emma Thompson eccezionali nel tratteggiare Walt Disney e P. L. Travers, non tanto nella somiglianza fisica, quanto nella rappresentazione accurata dei loro atteggiamenti.
Banks1

3. Interstellar. Di Christopher Nolan.
Un’opera potentissima nella quale il viaggio interstellare diventa alla fine poco più di un pretesto, perché il vero viaggio è quello emozionale dei personaggi, ma anche degli stessi spettatori. Un film che tocca cuore e cervello in egual misura.-ef118340-ea83-469a-bf9e-58800b56e569

2. Alabama Monroe – Una storia d’amore. Di Felix Van Groeningen.
La storia d’amore più straziante dell’anno. Ben scritto, ben recitato e arricchito di bellissime canzoni bluegrass che non si limitano a fare da sfondo alla vicenda, ma ne diventano parte integrante. Nomination all’Oscar come Miglior film straniero.
Film 02

1. Nebraska. Di Alexander Payne.
Il settimo film del regista di A proposito di Schmidt e Paradiso amaro, storia di un anziano che crede di aver vinto un milione di dollari, è una piacevolissima immersione in una storia semplice raccontata in modo geniale. La narrazione è fluida e ricca di trovate che riescono sempre a strappare un sorriso, anche se un po’ amaro. Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes per Bruce Dern e sei nomination agli Oscar.
nebraska

Share Button
The following two tabs change content below.
Virgilia Bertolotto

Virgilia Bertolotto

Nasce a Torino nel 1987. Appassionata da sempre di cinema e, in particolare, di cinema d’animazione, nel 2011 consegue la laurea magistrale in Discipline cinematografiche - Storia, teoria e patrimonio. Nel luglio 2014 Vincenzo Grasso Editore pubblica il suo saggio "Dal pixel alla Pixar". Nel tempo libero gestisce tre fanpage su Facebook (Mads Mikkelsen Italia, William Holden Tribute e Jack Huston Italia) e si diletta nel montaggio di filmati. Gli altri suoi interessi sono la lettura, la fotografia e l’arte.

Be the first to comment

Leave a Reply