Baywatch, i bagnini del famoso slow motion che non corrono abbastanza

baywatch
Share Button

Genere: Azione, commedia Regia: Seth Gordon Cast: Dwayne Johnson, Zac Efron, Alexandra Daddario, Kelly Rohrbach, IIfenesh Hadera, Jon Bass, Priyanka Chopra Durata: 119 min Anno: 2017

baywatchScolpiti, abbronzati, protettori di una spiaggia di cui sono gli idoli incontrastati. Guidati dal mastodontico Dwayne Johnson, una nuova squadra di bagnini baciati dal sole arriva nell’estiva stagione cinematografica per salvaguardare la sicurezza degli spettatori. Peccato però che gli unici ad affogare siano proprio loro. La demenziale commedia Baywatch diretta dal regista Seth Gordon (Come ammazzare il capo… e vivere felici, Io sono tu) è un concentrato di tutto ciò che non ci si sarebbe mai aspettato nella trasposizione sul grande schermo della famosa serie tv anni Novanta: un continuo di inseguimenti, investigazioni e criminalità che surclassano malauguratamente il fulcro principale del prodotto, per quanto superficiale, dando ai suoi personaggi una realtà concreta in cui muoversi con destrezza e abilità. E questo, per quanto incredibile da credere, è il suo enorme difetto.

Far parte del team di bagnini di Baywatch è un compito che non bisogna sottovalutare. Salvare vite, fermare ladruncoli in riva al mare, permettere alle famiglie di vivere in sicurezza le loro vacanze. Mitch (Dwayne Johnson) lo sa bene, per questo prende sul serio il proprio lavoro e fa in modo che anche gli altri bagnini lo rispettino. Ma quando l’uomo si ritroverà ad affrontare un pericoloso giro di droga che si dipana sulle sue spiagge, per Mitch e la sua squadra inizieranno i veri guai, aggravati dall’arrivo dell’insubordinato Matt Brody (Zac Efron).

baywatch

Tanti slow motion per il nuovo film Baywatch, ma pochi quelli incentrati sui protagonisti della storia. I corpi, con quelle corse innaturali che tanto hanno fatto sussultare il cuore – e gli ormoni – del pubblico, vengono sostituiti nel film di Seth Gordon da esplosioni prolungate, incendi nell’oceano e scontri su yacht lussuosi. Ed è un bene il superamento dell’oggettivazione delle forme – in questo caso femminili e maschili ben equilibrate – eppure sembra assurdo come il punto focale sul quale si fonda l’immaginario universale del noto telefilm venga  usato come contorno di un racconto incentrato principalmente su di un’indagine del tutto insignificante.

Prospettandosi come un film del tutto disimpegnato e dalle ovvie idiozie derivate dal genere di appartenenza, gli sceneggiatori di Baywatch Damian Shannon e Mark Swift non riescono a ricavare tutto il sano trash che, in una produzione di tale calibratura, era richiesto e sarebbe stato più che accettato, finendo per prendere troppo sul serio la storia dei superbagnini e della loro ricerca di giustizia.

baywatch

L’equipe capitanata da Dwayne Johnson e formata dal belloccio Zac Efron, oramai habitué di scellerate commediole, Alexandra Daddario, Kelly Rohrbach, IIfenesh Hadera e Jon Bass è ben collaudata, ma non in grado di divertire al massimo il pubblico a causa del ritmo altalenante che si sussegue per l’intera pellicola. Vero personaggio debole del film rimane comunque la cattiva di turno interpretata dalla bellissima quanto poco credibile Priyanka Chopra, una villan con un complesso di inferiorità nei confronti dei truffatori uomini e per nulla efficace nei fili della già noiosa trama.

Con la musica pompata dall’inizio fino alla fine per tutte le due estenuanti ore di visione, Baywatch non cerca, sapientemente, di ostentare l’effetto nostalgia nell’ambientazione – pur non privandosi di cameo che faranno sobbalzare i fan della serie passata –, ma, nonostante le premesse di leggero intrattenimento, appesantisce troppo la storia privandola della necessaria irriverenza. Questa volta i bagnini si fermano a riva.

★★

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply