Guardiani della Galassia Vol. 2, tornano i vigilanti più grintosi e musicali dell’intero universo

guardiani della galassia
Share Button

Guardians of the Galaxy Vol. 2 Genere: Azione, fantascienza, avventura Regia: James Gunn Cast: Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Baurista, Michael Rooker, Karen Gillan, Pom Klementieff, Elizabeth Debicki, Kurt Russel, Bradley Cooper, Vin Diesel, Sylvester Stallone Durata: 136 min Anno: 2017

guardiani della galassiaPiù energici, più divertenti, più uniti e combattenti che mai: torna per salvaguardare l’universo da pianeti immortali e inetti fuorilegge la banda dei sorveglianti più ritmata dell’intero cosmo. Guardiani della Galassia Vol. 2 è il secondo capitolo della casa Marvel sulle irrefrenabili e movimentate imprese dei vigilanti di specie diversa, ma tutti quanti concentrati sulla protezione della realtà stellata; personaggi incontrastabili dalle frizzanti personalità ancora una volta scritti e diretti dal regista americano James Gunn, completamente immerso nell’atmosfera spaziale e capace di portare con abilità al livello successivo il racconto di Star Lord e i suoi compagni.

Diventati una collaudata squadra di custodi dell’universo, Peter Quill/Star Lord (Chris Pratt), Gamora (Zoe Saldana), Rocket, Drax (Dave Bautista) e il piccolo Baby Groot vengono incaricati da chi ne ha bisogno per difendersi o allontanare gigantesche creature. Portato malamente a termine il loro ultimo lavoro, i guardiani non solo dovranno sfuggire dalla funesta e incontrollabile ira della sacerdotessa dorata dei Sovereign, ma si ritroveranno alle prese con il padre di Peter e la sua identità.

Un approdo fortunato quello che nel 2014 accoglieva tra entusiasmi e acclamazioni il primo capitolo del cinecomic più anomalo della casa di produzione fumettistica, un concentrato di sonorità passate su sfondo fantascientifico che ha saputo esaltare gli spettatori, rimasti colpiti dall’armonioso quanto efficace connubio di vintage e ultraspaziale. A distanza di tre anni dalla sua uscita, Guardiani della Galassia rispetta con il suo volume due le alte aspettative che aveva inizialmente formato e si presenta riutilizzando la stessa, vincente formula unendo la passione per il gusto retrò al contrapposto iper-moderno.

guardiani della galassia  
Introducendo il pubblico con un adorabile, frenetico, minuziosamente costruito piano sequenza nel quale Baby Groot torna per darci il benvenuto nella nuova avventura dove è protagonista il suo team, Guardiani della Galassia Vol. 2 ripropone le lotte, il caos predeterminato, gli inseguimenti e l’ironia del suo predecessore, arricchendolo del risvolto personale affidato al passato dei personaggi, il quale plasma una dimensione affettiva più visibile e decisiva per le sorti dell’azione. Con battute maggiormente irriverenti, la pellicola sfrutta le maestranze cinematografiche per intrattenere al meglio lo spettatore, incantandolo nuovamente con la bellezza degli spazi celestiali tinti digitalmente da colori nitidi e lucenti.

guardiani della galassia

Chris Pratt continua a conquistare nelle vesti dell’affascinante e fanciullesco Star Lord, ma se nel precedente film molta della narrazione veniva su di lui incentrata, in Guardiani della Galassia Vol. 2 al resto dei protagonisti è permesso di svilupparsi con una più consapevole libertà, facendosi colonne portanti di sottotrame parallele, le quali vanno poi a formare il racconto centrale.

L’Awesome Mix Vol. 2 non delude gli amanti della prima colonna sonora dei guardiani: brani di Sam Cooke, Cat Stevens, George Harrison, dei Fleetwood Mac, Jay and the Americans, Eletric Light Orchestra e di molti altri grandi degli anni Settanta e Ottanta riecheggiano con potente grinta non abbandonando mai il racconto, ma enfatizzandolo con i loro vibranti toni. Musica da godersi durante la visione e da cui lasciarsi trascinare, compresa l’inedita canzone composta appositamente dal regista James Gunn assieme a David Hassekhoff, Guardians Inferno.

Guardiani della Galassia Vol. 2 saprà conquistare gli affezionati ed elettrizzare il proprio pubblico, un altro lavoro Marvel che riesce ad attirare perché quasi fa dimenticare la sua casa di provenienza.

★★★1/2

 

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply