In guerra per amore, la fiabesca commedia di Pif sul sentimento di amore ed onore

in guerra per amore
Share Button

Genere: Commedia, sentimentale, guerra Regia: Pif Cast: Pif, Miriam Leone, Andrea Di Stefano, Stella Egitto Durata: 99 min Anno: 2016

Quando l’amore è corrisposto, ma del tutto ostacolato, bisogna inforcare il fucile e partire. Non per uccidere o intimare, ma per farsi soldato e andare a chiedere al padre della propria amata la sua mano. Questo lo scopo dell’innamorato Pif nella nuova avventura da lui diretta e scritta insieme a Michele Astori e Marco Martani In guerra per amore, storia di sentimenti ed onore dall’odore meridionale.

Arturo Giammarresi (Pif) è un semplice cameriere preso d’amore per la bella Flora (Miriam Leone),il quale vive in segreto le sue giornate di affetto con la ragazza nei sobborghi pulsanti di una modesta New York. Appartenenti a due diversi ceti sociali e già promessa come sposa ad un noto signorotto, l’unico modo di Arturo per far veramente sua la giovane Flora è recarsi in Sicilia e chiedere al padre di lei il consenso per maritarla. Ma i mezzi e le maniere per raggiungere il Sud Italia sono limitati, così l’uomo dovrà arruolarsi per un apparentemente facile e veloce sbarco nella sua terra madre.

in guerra per amore

Il 1943 e l’occhio fiabesco e critico del conosciuto Pif, al secondo film della sua carriera cinematografica e di ritorno nella propria patria per raccontare degli animi e dei valori di una Seconda Guerra Mondiale vista dal punto di vista di un semplice soldato partito per amore. Incorniciati paesaggi e momenti per poi essere restituiti più vivi e lucenti attraverso la nitida e sognante fotografia di Roberto Forza, In guerra per amore è la genuina fabula di un frammento di storia passata dove i personaggi si intrecciano anche solo fugacemente per ritornare poi compatti nelle loro personali micro trame, narrazioni che unite creano un universo più maturo e grande nel quale perseguire i propri obiettivi. Con la stessa atmosfera romantica del primo La mafia uccide solo d’estate, ma dalla palese volontà di porsi come opera differente e, forse, su un gradino superiore, con la sua delicata abilità Pif riprende la guerra di un mondo e di un paesino che cambia le prospettive e le finalità dei propri partecipanti, il combattere per una libertà che sembra continuamente sfuggire come sabbia tra le dita, ma per la quale vale comunque la pena di lottare. Velata sotto le mentite spoglie di una leggera leggenda, l’amara consapevolezza di ritrovare sempre il seme del male attaccato alle radici del voler far del bene si presenta ancora una volta senza possibilità di una felice riuscita, vicende mosse da quella corruzione nascosta e sempre pronta a saltar fuori e in tal modo posta ad infettare.

in guerra per amore

Chi va in guerra per amore di una donna, chi per amore della patria, il regista siculo racchiude nel suo nuovo film il perseguire di ideali mancanti oggi come ieri nella nostra meravigliosa eppur alterata cultura, lanciando inevitabilmente, quasi fosse lo scopo della sua carriera, un grido di protesta ed una dimostrazione di coraggio, curando dolcemente l’esterno di una confezione che in realtà contiene al suo interno il vero, duro messaggio. Impreziosito dalle fresche interpretazione degli attori protagonisti e accompagnato dalle bellissime musiche di Santi Pulvirenti nate a sottolineare l’intensità della storia e in grado di veicolare le emozioni dello spettatore, In guerra per amore è la deliziosa commedia su quel sentimento che ancora ci fa sentire di poter cambiare e sperare, tanto da spingerci oltreoceano per il cuore di una ragazza o da lasciarci seduti su di una panchina ad aspettare.

★★★1/2

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply