Incontro con il cast italiano delle voci de Alla Ricerca di Dory

alla ricerca di dory
Share Button

Sarà presto nelle sale l’attesissimo lungometraggio Disney Pixar Alla Ricerca di Dory del regista Andrew Stanton e co-diretto da Angus MacLane. Il film in uscita il 15 settembre nei nostri cinema verrà distribuito in settecento copie e racconterà una nuova, meravigliosa avventura con protagonista il pesce più smemorato del panorama cinematografico. Per parlare del film è presente a Roma il cast italiano delle voci de Alla Ricerca di Dory: Carla Signoris, Luca Zingaretti, Stefano Masciarelli, Licia Colò, Massimiliano Rosolino e Baby K.

Carla, la tua Dory è ora protagonista di un suo film dove sono presenti molti valori, qual è stata la tua reazione all’annuncio dello spin off e cosa hai di simile al tuo personaggio?

Somiglio tanto a Dory, non solo di carattere, anche fisicamente. Come lei ho questi occhi spalancati che si stupiscono ogni volta di ciò che vedono. È un pesce che sorride alla vita, non si lascia mai scoraggiare ed ha fiducia negli altri e nel mondo, così come me. È veramente un personaggio bellissimo e ringrazio di averla doppiata, è forse il mio personaggio migliore. Tra l’altro è stato molto difficoltoso questo lavoro, il doppiaggio è un mondo fantastico, ma per quanto cuore uno ci mette serve poi altrettanta attenzione.

Luca, doppi ancora una volta il pesce pagliaccio Marlin, padre di Nemo. Qual è il tuo rapporto Disney Pixar?

Credo sia lo stesso di tantissime altre persone poiché sono nato e cresciuto al suon di cartoni Disney. Sia nel primo che nel secondo film mi divertiva e commuoveva pensare che da piccolo sarei stato felicissimo se avessi potuto incontrare i doppiatori dei cartoni della mia infanzia. È strano pensare ora di far parte di questo universo, è anche bello, come bello è pensare di poter entrare nell’immaginario di tanti bambini.

Come è stato tornare a doppiare i personaggi de Alla Ricerca di Nemo? E, se ne aveste la possibilità, quale personaggio del mondo Disney o Pixar doppiereste?

Carla: Mi sarebbe tanto piaciuto doppiare Dory quindi posso dire che mi è andata di lusso! Era da molto tempo che speravo in un seguito perché Dory è un personaggio che ha davvero tanto cuore e in questo nuovo film penso dia il suo meglio.

Stefano: È bellissimo, infatti spero di rincontrarci qui tra quindici anni per il terzo! Di film ne ho doppiati un po’, ma quello che mi sarebbe piaciuto fare è il Genio della lampada di Aladdin, è un personaggio creato con delle sfumature veramente magnifiche.

Luca: Quando uno ama tantissimo la Disney è difficile scegliere, ma anche io dico Marlin. Per me è stato bello  ritrovarlo cambiato, essendo pur sempre un genitore ansioso. Eppure ha un grande coraggio che trova sempre dentro di sè. Spero che se facciano un terzo film sia lui a dover essere cercato, almeno per una volta non ci pensa!

alla ricerca di dory

Licia, Massimiliano e Baby K, voi siete i nuovi arrivati nei mari di Nemo, come è stato per voi lavorare al doppiaggio di questo film?

Licia: Ho sempre sognato di doppiare un film Disney, per questo ero contentissima quando mi hanno contattato ed ho accettato subito senza neanche sapere di che ruolo si trattasse. Quando poi ho scoperto che dovevo doppiare me stessa… beh, è stata un po’ una delusione sinceramente, ma pensandoci poi bene sono contenta perché posso dire che questo è il riconoscimento di quello che ho portato avanti durante tutta la mia vita ossia il rispetto per l’ambiente.

Massimiliano: Nel film ho fatto poco e niente, diciamo la verità! Ma per me è stato importantissimo comunque. Ho trovato sempre Alla Ricerca di Nemo un grande cartone perché insegna a tutti che se si vuole veramente gli obiettivi si raggiungono, anche con qualche handicap.

Baby K: È stato bellissimo doppiare. Sono legata alla Disney ed essendo fan anche della Pixar per me questi due film sono qualcosa di speciale dove si trova un’animazione veramente incredibile. In verità doppiare era una cosa che segretamente sognavo da sempre e nel film farò anche un piccolo cameo, ma l’ho amato comunque.

Il legame con la famiglia è estremamente forte in entrambi i film, voi che ne pensate?

Carla: Il personaggio di Marlin insegna sicuramente ai genitori di non essere dei controllori, bisogna lasciare liberi i figli, purtroppo!

Stefano: La famiglia e l’amicizia sono i temi principali di questi due film e sono i valori che purtroppo in questa società si stanno perdendo, per questo è bello che si porti avanti il messaggio.

Luca: Come già nel primo film, in Alla Ricerca di Dory viene insegnato ai genitori che i figli sono prima di tutto degli individui e come tali hanno diritto di crescere e portare avanti le loro potenzialità

Come ormai tutti sappiamo, Dory soffre di memoria a breve termine. E voi cosa preferite, ricordare o dimenticare?

Baby K: Anche io sono un po’ smemorata, mi distraggo spesso, ho molti ricordi legati a vari luoghi visto che sono nata e cresciuta in paesi diversi, per questo come Dory mi chiedo “Dov’è casa?”. Ma alla fine metto poi tutto, compresi i ricordi, nella mia musica.

Luca: Penso che per rispondere a questa domanda ci venga incontro Inside Out, un cartone che ci insegna che sono proprio i ricordi a formare la nostra vita.

Licia: La memoria è fondamentale, ma a volte bisogna avere la capacità di dimenticare.

Share Button

1 Trackback / Pingback

  1. Le uscite al cinema della settimana - 15 settembre - CineCaverna

Leave a Reply