Alla Ricerca di Dory, continuare a nuotare tra vuoti di memoria, famiglia e risate

alla ricerca di dory
Share Button

Genere: Animazione, commedia, avventura, drammatico Regia: Andrew Stanton, Angus MacLane Cast: Ellen DeGeneres, Albert Brooks, Diane Keaton, Eugene Levy, Ty Burrell, Kaitlin Olson, Ed O’Neil, Idris Elba, Bill Hader, Kate McKinnon Durata: 103 min Anno: 2016

alla ricerca di doryTredici anni fa un piccolo pesce pagliaccio si accingeva, sotto gli occhi preoccupati di un apprensivo padre, alla soglia del grande blu. Munito di coraggio, il determinato pesciolino superava quella barriera invisibile che divide inevitabilmente la sicurezza del proprio ristretto mondo dalle impervie insidie che riserva il mare profondo. Una scelta, quella del pesciolino ben presto noto a molti, che iniziò uno dei più grandi ed appassionanti viaggi dell’universo Disney Pixar. Oggi, dopo l’estasiante esperienza che catapultò i personaggi de Alla Ricerca di Nemo in acque difficoltose e inesplorate, una nuova, divertente avventura è pronta per essere intrapresa con entusiasmo dai suoi protagonisti e con un pizzico di commozione dall’affezionato pubblico. È il momento infatti dell’attesissimo lungometraggio animato Alla Ricerca di Dory, per la regia di Andrew Stanton e co-diretto da Angus MacLane ed incentrato sul passato del pesce più smemorato della storia del cinema impegnato in un’indimenticabile avventura “Che lei forse non ricorderà.”.

Marlin, Nemo e Dory sono molto uniti dopo aver affrontato insieme i pericoli e le meraviglie che si possono incontrare attraversando la barriera corallina. Divenuti vicini di casa, la pesciolina affetta da sindrome di memoria a breve termine sembra aver trovato la stabilità che per molto tempo è mancata nella sua vita, fin quando all’improvviso, in un giorno qualunque, un ricordo non si palesa fugace nella sua mente danneggiata. Dory ricorda i suoi genitori. Dory ricorda che li stava cercando. Dory, che ormai ricorda, decide che è arrivato il momento di riprendere quella ricerca interrotta per trovare la sua famiglia. E così il viaggio continua, alla scoperta di sconosciuti luoghi e inaspettate amicizie.

alla ricerca di dory

Personaggi del cuore, buoni sentimenti, insegnamenti esemplari e ingenue risate: Alla Ricerca di Dory parte da quel famoso ciglio invalicabile che fu principio di intramontabili emozioni e nuovamente si fa punto di partenza per un inedito, avvincente episodio con protagonisti i pesci più amati da grandi e piccini. Con al centro la voglia confusa dell’imbranata Dory di riconciliarsi con una famiglia fino ad allora sfuggita alla sua malandata memoria, la piacevole storia scritta dallo stesso Stanton insieme a Victoria Strouse si dirama tra tenerissimi flashback di un passato che viene a bussare e i percorsi intrapresi da Marlin e Nemo per ritrovare la loro amica, in un’intricata serie di eventi che smuoveranno la gioia e i sentimenti sia dei nuovi che dei devoti spettatori. Mostrando il disagio di chi essendo diverso si crede incapace di poter fare del bene a sé ed altri, Alla Ricerca di Dory invita a smetter di pensar troppo e di continuare a nuotare, munendosi di una protagonista talmente straordinaria da non poter crear altro che situazioni altrettanto straordinarie. Pur affetta dalla sua curiosa peculiarità, Dory saprà raggiungere la sua famiglia quando lascerà indietro il raziocinio per farsi guidare dall’istinto, in un toccante finale con tanto di coccolose lontre e camion guidati da polpi.

Forse meno originale del precedente capolavoro seppur di una gradevolezza infinita, l’avventura di Dory non basa la sua forza su un’innovazione di temi o narrazione, ma si fa racconto di amici ritrovati che non possiamo che accogliere a braccia spalancate, di emozioni per i momenti che riesce a donare e di un’infantile eccitazione di chi, anche per poco tempo, sta per tornare bambino.

“E se dovessi dimenticarvi di voi?”

Tranquilla Dory, di certo noi non ci dimenticheremo di te.

★★★★

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply