Svelata la giuria del 69° Festival di Cannes

Share Button

Finalmente è stata annunciata la giuria della competizione principale del 69° Festival di Cannes, in programma dall’11 al 22 maggio 2016. Ad affiancare il presidente George Miller saranno l’attore danese Mads Mikkelsen, l’attrice americana Kirsten Dunst, l’attrice italiana Valeria Golino, il regista francese Arnaud Desplechin, il regista ungherese László Nemes, l’attrice francese Vanessa Paradis, la produttrice iraniana Katayoon Shababi e l’attore americano Donald Sutherland.

Mads Mikkelsen ha partecipato numerose volte al festival con i film Coco Chanel & Igor Stravinsky (2009) di Jan Kounen, Il sospetto (Jagten, 2012) di Thomas Vinterberg, Michael Kohlhaas (2013) di Arnaud des Pallières e The Salvation (2014) di Kristian Levring (2014), vincendo nel 2012 il Prix d’interprétation masculine per Il sospetto. Proprio ieri ‪Mads Mikkelsen e ‎Thomas Vinterberg sono stati nominati Cavalieri dell’Ordine delle Arti e delle Lettere presso l’Ambasciata francese di Copenaghen.

Kirsten Dunst ha partecipato al festival con i film Marie Antoinette (2006) di Sofia Coppola, Melancholia (2011) di Lars von Trier e On the Road (2012) di Walter Salles, vincendo nel 2011 il Prix d’interprétation féminine per Melancholia.

Anche Valeria Golino è stata a Cannes con diversi film: Paura e amore (1988) di Margarethe von Trotta, Acque di primavera (Torrents of Spring, 1989) di Jerzy Skolimowski, La puttana del Re (La Putain du Roi, 1990) di Axel Corti, Harem Suare (1999) di Ferzan Özpetek, Le cose che so di lei (Things You Can Tell Just by Looking at Her, 2000), Actrices (2007) di Valeria Bruni Tedeschi e Miele (2013) da lei diretto.

László Nemes l’anno scorso ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria con Il figlio di Saul (Saul fia, 2015), film che l’ha portato quest’anno ad ottenere altri tre importanti riconoscimenti: l’Oscar e il Golden Globe come Miglior film straniero e il David di Donatello come Miglior film dell’Unione Europea.

Anche Donald Sutherland non è nuovo a questo festival, avendovi presentato Joanna (1968) di Michael Sarne, M*A*S*H (1970) di Robert Altman, E Johnny prese il fucile (Johnny Got His Gun, 1971) di Dalton Trumbo, S*P*Y*S (1974) di Irvin Kershner, Il giorno della locusta (The Day of the Locust, 1975) di John Schlesinger, Novecento (1900, 1976) di Bernardo Bertolucci e Lost angels (1989) di Hugh Hudson.

Arnaud Desplechin ha presentato al Festival di Cannes ben 7 dei suoi 10 film: La vie des morts (1991), La sentinelle (1992), Comment je me suis disputé… (ma vie sexuelle) (1996), Esther Kahn (2000), En jouant ‘Dans la compagnie des hommes’ (2003), Racconto di Natale (Un conte de Noël, 2008), Jimmy P. (Jimmy P. (Psychotherapy of a Plains Indian), 2013).

Qui il programma del Festival di Cannes 2016.

Per ulteriori informazioni e foto visitate la fan page Mads Mikkelsen Italia.

Share Button
The following two tabs change content below.
Virgilia Bertolotto

Virgilia Bertolotto

Nasce a Torino nel 1987. Appassionata da sempre di cinema e, in particolare, di cinema d’animazione, nel 2011 consegue la laurea magistrale in Discipline cinematografiche - Storia, teoria e patrimonio. Nel luglio 2014 Vincenzo Grasso Editore pubblica il suo saggio "Dal pixel alla Pixar". Nel tempo libero gestisce tre fanpage su Facebook (Mads Mikkelsen Italia, William Holden Tribute e Jack Huston Italia) e si diletta nel montaggio di filmati. Gli altri suoi interessi sono la lettura, la fotografia e l’arte.

Be the first to comment

Leave a Reply